Home » Cooperativa » Una grande festa, un’ottimo modo di festeggiare l’8 marzo!!! PRENOTATEVI!

Una grande festa, un’ottimo modo di festeggiare l’8 marzo!!! PRENOTATEVI!

CMARG2014 8 MARZO Locandina

COMUNICATO STAMPA

 

8 marzo 2014 – Ore 20.30 Teatro Arena Sandrigo

 

“Gente come Uno” di Alma Rosé

in scena per i festeggiamenti

dei 15 anni di Banca Etica

 

 

Una grande festa con storie

controcorrente che sfidano la crisi

L

L’8 marzo di 15 anni fa nasce a Padova Banca Etica, la prima banca in Italia a porsi come obiettivo quello di impiegare i risparmi che le vengono affidati per finanziare iniziative responsabili sotto il profilo sociale e ambientale e sostenibili economicamente; e di farlo in modo cooperativo. La festa prevede  65 iniziative in tutta Italia  tra il 5 e il 23 marzo 2014.

 

L’appuntamento per la provincia vicentina è a Sandrigo dove i festeggiamenti di Banca Etica si intrecciano con la rassegna “Margherita in festa”  promossa dalla Cooperativa sociale Margherita ONLUS sul tema della crisi.

 

Si propone  lo spettacolo teatraleGente come Uno”, della Compagnia Alma Rosè che racconta la crisi argentina del 2001, un appuntamento teatrale per coinvolgere le persone, per lanciare un messaggio civico di richiamo ad un impegno personale e collettivo per un possibile superamento della crisi. Lo spettacolo che ha vinto il premio del Bando Teatrale “Crisi a parte. Raccontare la crisi finanziaria e costruire un nuovo modello di sviluppo” di Banca Etica – 2013.

 

A seguire cena finger food a cura del gruppo GAS (Gruppo di Acquisto  solidale) di Sandrigo, un gruppo di cittadini e cittadine che propongono azioni per il consumo critico. Sono previste pietanze finger food per celiaci.

 

Partner Ufficiale della serata Azienda Pedon nota per aver scelto di coniugare in modo innovativo alta qualità con eticità.

Per la serata è previsto un contributo di  15 €, ridotto a 10 € per gli under 18. I fondi raccolti sono dedicati a “Dare casa ad un progetto”, la nuova sede della Cooperativa Margherita aperta alla cittadinanza.

Per prelazioni e prenotazioni: Cooperativa Margherita: segreteria@cooperativamargherita.org  0444/750606 * 334.1124678. Info www.cooperativamargherita.org

 

 

 

INFO STAMPA 328/9869326

 

 

 

 

GENTE COME UNO

C’era una volta un paese ricco ed ora non c’è più

 

8 marzo | ore 20.30 – SANDRIGO (VI)

Teatro Arena – Via San Gaetano – Sandrigo (VI)

 

 

 

di Manuel Ferreira e Elena Lolli

con Manuel Ferreira

 

 

 

SCHEDA DELLO SPETTACOLO

 

GENTE COME UNO

C’era una volta un paese ricco e ora non c’è più

 

Premio del Bando Teatrale “Crisi a parte. Raccontare la crisi finanziaria e costruire un nuovo modello di sviluppo“, indetto da BANCA POPOLARE ETICA – Prima edizione – anno 2013

 

con Manuel Ferreira

luci Andrea Violato

fotografie Bruna Orlandi (tratte dalla mostra Que se vayan todos)

regia Elena Lolli

 

Un testimone in scena, lo stesso attore, argentino di Buenos Aires.

Un grido di rabbia.  Rabbia nel vedere un Paese ricco e abbondante di risorse ritrovarsi oggi privato di tutto.  Rabbia nel vedere la gente piegata, senza lavoro, senza casa, senza copertura medica. E chiedersi oggi come si è arrivati fin qui, che cosa  bisognava guardare. Scoprirsi persone che fino a questo momento hanno sempre chiuso gli occhi, che hanno perso ogni rapporto con la politica, abituate a vivere dentro un benessere apparente. Ma adesso la festa è finita. Adesso in Argentina si muore di fame. Impossibile restare ancora chiusi nelle proprie case. La classe media scende per la prima volta in piazza, insieme a tutti gli altri, a battere le pentole. Per la prima volta dopo anni e anni di indifferenza la gente si mescola, cerca il modo di autorganizzarsi, di autogestirsi, sapendo di potersi salvare solo se uniti, presenti, partecipi tutti di una politica nuova che non è più quella dei politici. Tante domande, tante paure, una necessità, quella di non distrarsi mai più, quella di non girarsi mai più dall’altra parte. Vigili, presenti, non solo gli argentini ma tutti noi, per evitare che anche altri luoghi di questo nostro difficile presente possano diventare anche loro a “rischio Argentina”.

 

 

 

 

Post Tag With : , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.